Copyright © 2019  PerpetuoMobileTeatro 

Regia e Drammaturgia

Marco Cupellari

 

Occhio esterno

Kenneth George

 

Interpreti

Céline Roucher

Marco Cupellari

 

Musica originale dal vivo

Dario Miranda

 

Maschere e Simulatori

Brita Kleindienst

 

Disegno luci

Joseph Busta

 

Scenografia

PerpetuoMobileTeatro

 

Foto

Lorenzo Palmieri

 

Produzione

PerpetuoMobileTeatro

Scuola Teatro Dimitri

 

con il sostegno di

PARS - Stiftung

Sehnsucht

 

Due personaggi densi ed estremi, archetipi di esseri umani, si confrontano con i loro desideri fino alle estreme conseguenze. Imperfetti, limitati, anelanti ed instancabili conquistatori di istanti, ma disperatamente bisognosi di assoluto, muovono i loro passi in equilibrio precario su questa contraddizione insolvibile.

 

Sono clowns e la loro camminata è goffa ed incerta. Sono eroi e funamboli, ma alla fine del filo c'è solo la fine del filo. Li osserviamo dibattersi attraverso una lente di ingrandimento, che deforma e mette a nudo; che mette a nudo proprio perché grottescamente deforma. La vita, la cosa più preziosa e l'unica che resta loro, vista da qui, è una tragedia o una farsa; é uno spettacolo in cui farsa e tragedia sono inscindibilmente mescolate: uno spettacolo grottesco.

 

Ridiamo di loro ma la nostra risata non è chiassosa bensì partecipe, come quando ridiamo di qualcosa che noi stessi abbiamo fatto in un impeto di passione, e che ci ha reso ridicoli. Le loro speranze, le loro angosce sono le nostre. L'empatia trasforma la semplice consapevolezza di condividere uno stesso, universale destino, in un traguardo accettabile, e ne riscatta tutte le inevitabili miserie.

 

Sehnsucht è uno spettacolo sulla speranza pura, quel qualcosa di ingenuo e profondo come e più della fede. Godot non verrà, oramai lo sappiamo. Eppure alcuni di noi potranno dire di aver onorato l'appuntamento fino in fondo.

 

Hanno scritto:

 

“Questo spettacolo vuole metterci di fronte ai nostri desideri irraggiungibili e alle nostre incrollabili speranze; ci rende ciò che siamo: esseri umani.”

Irmin van der Meijden

 

“Sehnsucht adotta più linguaggi, dalla maschera alla pantomima, dalla musica alla danza al canto. È uno spettacolo visionario, surreale ed ambizioso, scritto con molta cura, dai toni grotteschi.”

Giorgio Thoeni